Digital Marketing

Deliverability: cosa fare per evitare lo spam

L’email marketing è un argomento che abbiamo già trattato molte volte prima, ma oggi ci troviamo di fronte a qualcosa che viene spesso trascurato! Se invii abbastanza campagne email, ti imbatterai inevitabilmente in problemi di filtro spam. Secondo ReturnPath, circa il 21% delle e-mail basate su permessi inviate da venditori di e-mail legittimi finisce nelle cartelle di posta indesiderata.

I filtri antispam e gli ISP stanno lavorando più duramente che mai per ridurre l’irrilevanza della posta in arrivo, quindi è importante capire cos’è lo spam, come funzionano i filtri antispam ei firewall e alcuni dei passaggi che è possibile adottare per evitare di essere contrassegnati.

Al suo interno, lo spam è posta indesiderata, irrilevante, inviata in massa a un elenco di persone. Ad esempio, supponiamo che tu abbia acquistato un elenco di indirizzi email da un’organizzazione aziendale locale. In apparenza, quella lista di indirizzi sembra che potrebbe contenere grandi prospettive per la tua azienda, e tu vuoi mandare loro un’e-mail con un’offerta rilevante che non possono rifiutare. Ma dal momento che queste persone non ti hanno dato il permesso esplicito di contattarli, l’invio di una mail a quell’elenco sarebbe considerato spam.

Non c’è niente di più frustrante del passare del tempo a creare una campagna di email marketing, ma solo il 50% dei tuoi contatti non riesce a riceverlo perché sei finito nella loro cartella spam. Ecco perché le seguenti best practice sulla deliverability della posta elettronica sono così importanti.

Se le tue e-mail non vengono consegnate correttamente nella casella di posta dei tuoi contatti, dovresti concentrarti sui modi per migliorare la deliverability della posta elettronica. Tuttavia, anche se non hai problemi a raggiungere la casella di posta, è comunque importante evitare di commettere errori che potrebbero danneggiare la tua deliverability lungo la linea.

La deliverability della posta è semplicemente la possibilità di inviare correttamente le e-mail alla posta in arrivo del contatto senza essere filtrate come spam dai provider di posta elettronica. Sebbene l’obiettivo finale e il concetto di deliverability siano semplici, ci sono diversi fattori da cui dipende, tra cui:

Reputazione mittente: come sono state eseguite le tue e-mail precedenti e il tuo dominio o il tuo IP si sono comportati in modo discutibile in passato?

Contenuto email: la tua campagna email è simile allo spam?

Aspetti tecnici – Le tue e-mail sono state firmate correttamente con il dominio e l’IP giusti? Il contenuto è stato alterato in qualche modo?

Inizieremo con le best practice di base che è possibile fare per migliorare la deliverability delle e-mail e diventare un marketer di e-mail migliore. Queste migliori pratiche si applicano ai mittenti di qualsiasi volume e non richiedono alcuna conoscenza tecnica o abilità.

Pulire periodicamente la tua lista di contatti e-mail è una delle cose più importanti che puoi fare come un email marketing Se mantenere i contatti vecchi o non coinvolti può sembrare una buona idea (o almeno una buona dose di autostima), può danneggiare i tassi di coinvolgimento delle e-mail e la deliverability complessiva.

In particolare, ci sono due tipi di indirizzi email che possono causare problemi:Indirizzi email inesistenti e Indirizzi email non attivati ​​o non attivi.
È una buona idea eliminare entrambi questi gruppi di contatti dal database se si desidera mantenere una buona deliverability ed evitare di essere penalizzati dai provider di posta elettronica come Yahoo e Gmail.

All’interno della categoria di indirizzi di posta elettronica inesistenti, ci sono due tipi: Indirizzi email che sono stati inseriti erroneamente dal sottoscrittore, Vecchi indirizzi email che non vengono più utilizzati. Per il primo tipo, è possibile impedire agli indirizzi errati di inserire il proprio database di contatti, in primo luogo, implementando un doppio processo di opt-in per le registrazioni. Non possiamo raccomandare di farlo abbastanza, soprattutto alla luce del GDPR e della maggiore necessità di un consenso positivo.

Per le vecchie e-mail che non vengono più utilizzate, SendinBlue esegue la maggior parte del lavoro automaticamente. Quando un indirizzo email produce un forte rimbalzo, vengono automaticamente inseriti nella blacklist nel nostro sistema. Ciò significa che non potranno più ricevere email dal tuo account. Questo di solito si verifica quando un utente smette di usare un indirizzo email e lo elimina. Puoi vedere tutti i tuoi rimbalzi rigidi filtrandoli nella pagina dei contatti nel tuo account.

Non riuscire a inserire nella lista nera le e-mail di spam trap può incidere pesantemente sulla deliverability. Quindi assicurati di non solo rimuovere i bounces ma anche ricontrollare con tutti i contatti che sono stati aggiunti più di un anno o due fa. Anche i contatti inattivi o non coinvolti danneggiano la consegna. Il motivo è che abbassano i tassi di coinvolgimento per le tue campagne, che si ricollegano alla reputazione del mittente con i provider di posta elettronica.

Quando la tua email viene visualizzata nella Posta in arrivo del cliente, devi assicurarti che sappiano che è da te. Non suoneresti il ​​campanello di qualcuno con una maschera, giusto? In tutta serietà, però, vuoi che le tue email di marketing sembrino professionali.

Una cosa che puoi fare per aiutarti è assicurarti di utilizzare il dominio del tuo sito web aziendale nell’indirizzo email del mittente. Questo ti aiuta a evitare di emanare un’atmosfera vaga e consente ai tuoi contatti di prenderti sul serio.

Quando imposti il ​​nome del mittente (il nome che appare come mittente nella casella di posta in arrivo), scegli un nome che includa anche il nome della tua attività commerciale.

La Deliverability è una questione cruciale per i marchi. Tuttavia, molti marketer non riescono a raggiungere le caselle di posta degli iscritti. Una delle sfide per ottenere un’elevata deliverability è che alcuni marketer confondono il termine “delivery rate” con deliverability, portandolo a una falsa percezione della loro deliverability. La tua velocità erogata misura la quantità di e-mail che non ricevono un rimbalzo rigido o morbido, ma non misura il punto in cui si trovano le e-mail.

Considera questo esempio. La tua email può avere un tasso di consegna del 99%, il che significa essenzialmente che il 99% del tuo volume totale non è stato rimbalzato. Tuttavia di questo 99%, il 33% è stato consegnato alla cartella spam. Questo significa non solo che un terzo dei tuoi clienti non riceve i tuoi messaggi, ma se non stai monitorando la metrica corretta, non sapresti capire perché non sono coinvolgenti.

Non puoi aspettarti o presupporre che la tua tariffa di consegna si traduca esattamente nella tariffa di inserimento della posta in arrivo. Ricorda che “consegnato” non significa necessariamente che la tua e-mail ha colpito la posta in arrivo, solo che non è stata rimbalzata o rifiutata.

Migliorare la tua deliverability può essere difficile da decifrare, soprattutto quando entrano in gioco tanti fattori: contenuti, autenticazione e infrastruttura, qualità delle liste, coinvolgimento degli iscritti, filtri antispam e altro ancora. Basta girare la testa e chiedersi perché la deliverability sia importante..


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/welikecrm/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704