Lo scorso maggio è stato pubblicato il report di Social Media Examiner sullo Stato dell’Arte del Social Media Marketing, che analizza lo stato attuale e i futuri trend di utilizzo dei canali social nella strategia di marketing aziendale.

Lo studio è stato condotto su 2.800 professionisti del marketing con lo scopo di capire come stanno utilizzando i social media per espandere il proprio business in termini di tempo impiegato sui nuovi canali, di benefici percepiti, di piattaforme più utilizzate.

In generale, dai risultati dell’indagine si percepisce un’alta percezione di valore sui social media: il 92% degli operatori del settore dichiara che i social media sono una componente fondamentale del proprio lavoro; il 68% è intenzionato ad ottimizzare l’uso del blog eleggendolo ad area a maggiore investimento del 2014; il 21% pensa di includere l’uso di podcast nella propria strategia social; il 58% crede nell’importanza della produzione di contenuti originali nell’attività di pubblicazione.

D’altro canto, c’è ancora molta incertezza in termini di misurazione dei risultati: solo il 7% del campione crede fortemente di poter misurare il ROI delle proprie azioni di Social Media Marketing, il 30% è d’accordo sulla possibilità di farlo, mentre il 35% è ancora incerto.

Social media ROI
Posizioni incerte anche in termini di percezione dell’efficacia della propria strategia social: solo il 43% pensa che le proprie azioni di social media marketing siano efficaci. In particolare, chi opera nel settore B2C manifesta percezioni più positive in termini di efficacia, rispetto ai colleghi del settore B2B.

Ma quanto tempo viene dedicato alle attività sui canali social?

Il 64% dichiara di utilizzare i social media per 6 ore o più ore durante la settimana, mentre il 37% vi investe 11 ore a settimana. Solo il 5% ne dedica invece più di 40.

Committment settimanale canali social
Un’altra interessante correlazione emerge tra l’età di chi gestisce in azienda i canali social e il tempo medio di utilizzo: i professionisti sotto i 40 anni dedicano più di 40 ore a settimana all’uso dei social media.

Committment per età
Tra i maggiori benefici riscontrati emergono: una migliore visibilità, aumenti in termini di traffico e fidelizzazione.

Benefici del SMM
In termini di opportunità di vendita è interessante notare come chi utilizza i social media da almeno 3 anni cominci a ravvisare benefici in termini di sales lead:

Impatto sulle vendite dei social media
In generale, il 95% del campione ravvisa un aumento di visibilità del proprio business, mentre il 66% ha notato dei benefici in termini di lead generation e l’85% un aumento in termini di traffico verso il proprio sito web.

Tra le piattaforme più utilizzate, Facebook è ancora in cima alla lista, seguito da Twitter e Linkedin:

Canali social più usati
I risultati presentano, tuttavia, delle differenze quando si compara l’ambito B2C e B2B, dove Linkedin si aggiudica il 33% delle preferenze rispetto il 31% di Facebok:

Uso dei social media nel b2c vs b2b
In conclusione, tra i trend che emergono per l’immediato futuro: un uso più intensivo delle piattaforme di blogging (68%) e di Youtube (67%), mentre rispetto alle rilevazioni dell’anno scorso, si comincia a percepire un leggero declino nell’uso di Facebook (7%) e un sempre maggiore interesse per GooglePlus (61%) e Pinterest (50%).
Infine, mentre l’interesse per il podcasting è cresciuto tre volte tanto rispetto lo scorso anno (21%), solo il12% dei social media manager si interessa alle piattaforme di geo-localizzazione.

Sul versante della content strategy l’81% è concorde sull’importanza della produzione di contenuti originali, mentre il 73% investirà sulla comunicazione video.

E voi? In quale direzione muove la vostra strategia di social media marketing?

Visualizza Report